siga siga 

Autore: nemthen
7 maggio

 

 

siga siga in greco significa “piano piano”, ed è il senso di Creta, dove abbiamo passato il weekend lungo del 1 maggio incontrando personaggi che ci hanno innamorati di quest’isola. ne ho ritratto qualcuno andando a memoria, ma mentre finivo la tavola mi sono accorta di averne tralasciati alcuni di molto importanti, come il signore del negozio di articoli per fax e computer di Ierapetra che nell’87  ha capito che il futuro stava nell’informatica e da solo ha imparato a programmare in dos su libri in inglese (imparando così anche l’inglese) “perchè tradotti in greco si capiva peggio”, e ci ha fatto stampare le carte d’imbarco dato che non si vedeva l’ombra di un internet cafè, aprendo google chrome dicendo “questo è meglio di explorer”. mi sembrava la versione greca di mio padre. saremmo stati ore lì a farci raccontare la sua storia, in quel negozietto dove ancora i computer, i fax, i battitori di cassa venivano aperti e riparati.

 

la grecia è un paese magnifico fatto di persone magnifiche, e mi ricorda tanto l’italia, con i suoi difetti ma la sua incredibile forza fatta di persone “vere”… non è un caso che sia la culla della civiltà…

 

forza hellas